Friday, 11 July 2008

"The Totoro Forest Project"


It's time to announce the great initiative that started with Dice Tsusumi, Enrico Casarosa , Ronnie del Carmen and Yukino Pang. I'm honored to have been part of the large group of artists involved in it. If you want to know more about this event take a look at http://www.totoroforestproject.org/

38 comments:

sedyas said...

Un libro increible! Felicidades. ;)

RAWLS said...

Yea...this looks like a really great project for a really great cause! Love your contribution to it...Beautiful work!

Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Monkeyfeather said...

Great project.

Your piece was GORGEOUS.

Touchskies said...

complimenti claudio!
penso che la realtà descritta da barbara anepa sia tipicamente italiana e provinciale, nulla a che vedere con altri giri frequentati da veri talenti quali appunto l'iniziativa totoro forest.
di nuovo complimenti, continua così e se puoi non lasciarti coinvolgere in questi "processi del lunedì" tipicamente italiani.

EL GRANDE said...

Awesome Claudio! I had no idea how big this thing was. I can't wait to buy this book. Great job.

Joe

flaviano said...

pheeco! ho passato la mattinata a guardarmele una per una, fantastiche!
la tua non fa eccezione
anche se di la verità hai riciclato qualche disegnino dei casali dei dintorni, hai mergiato e ci hai spruzzatu su un mostrone bianchiccio!
;)
felicitazioni, aspettiamo qualche nuova creazione animata tipo Mimino il campione della stracittadina!

Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Claudio Acciari said...

Ciao Sedyas GRAZIE,^_^ I'm glad I've been part of it

Hi Rawls, THANK YOU, glad you like my drawing. I tried to push it in a oneiric direction.Ciao

Ciao Monkey GLAD TO HEARD THAT FROM YOU ^_^, I'm looking forward to see the printed book.

Ale...*vedi commento a Barbara

Ciao Joe, I didn't know as well, I was more than glad that Dice, Enrico and Ronnie contacted me for that. For me the real pleasure was that, than is just a cherry on cake.Ciao

Flaviano,...peggio ancora, ho dato una occhiata a queste riviste tipo "travel" senza dover alzare il culo dalla sedia. Pero' quegli interventi molto stilizzati come le nubi, la luna e le stelle sono simpatici vero? Per quanto riguarda un nuovo video...arriva pure quello, ahah.Ciao e grazie!^_^

Barbara...che sta' succedendo? Mi sento di commentare aria fritta. Che mi sono perso? Perche' hai cancellato i tuoi inteventi?
Gli unici commenti che detesto sono quelli del tipo: "belle queste tue sculture (!?!), dai una occhiata anche al mio blog" e poi vedo che vendono pomate doposole. Sia tu che Alessandro mi fate i complimenti, e vi ringrazio ^_^, ma poi mi sfugge qualcosa, se rialleghi i messaggi tolti riesco a capire il filo del discorso cosi' si hanno gli elementi per discutere.Ciao

Henry said...

porca troia.
non mi si apre il link Claudio, che sia un boicottaggio dei cinesi ai danni dei Jap??? comunque bellissime sculture e vieni a visitare il mio sito di buloneria per vibratori.

Touchskies said...

Ciao Barbara,

cosa c'è che non va?
se non cancellassi i tuoi "commenti" tutto avrebbe più senso, e probabilmente non avresti a che fare con "certe persone".
Comunque, se il senso di quello che avevi scritto è che alcuni artisti dell'iniziativa Totoro Forest, sono li solo perchè lecca culi, io non sono d'accordo e ti ripeto che il tuo è un ragionamento provinciale tipico di questa italietta con i complessi di inferiorità.

Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
LRNZ said...

EAòH.

Arrivo qua dal sito co la cosa piu' fica del mondo.

Ora il cerchio si chiude. BRRRRAVOOOOOOOOOOOO
Che esaltazione mio dio.

Acciari e Miyazaki nominati nello stesso libro.

UAHUAHAHAHAA mi appallottolo dall'ammirazione.

UN MIGLIARDO DI USD doveva costare il tuo disembio super gentilissimo. Maestrissimo assoluto. Bomba. Ridacchierò fortissimo per una settimana.

Anonymous said...

o che gioia!
non vedo l'ora di comprare ile libro!
ciao dalla yaprak

Claudio Acciari said...

Barbara, io la funzione di visualizzare i commenti nella mia mail non l'ho selezionata. Ce l'ho per youtube ma per questo blog non l'ho mai attivata. Poi vorrei ricordare poche cose che "tagliano la testa al toro" (mamma mia che brutta espressione!). La Monsantho tramite la strumentalizzazione degli aiuti alimentari volti a "sanare" i problemi alimentari relativi ai paesi sottosviluppati (provocati dai primi citati, oltremodo) sta intervenendo nella crisi agricola distibuendo sementi OGM, che producono piante sterili, per rendere il mondo intero dipendente alla loro produzione e vendita di sementi. Niente sementi niente grano. Niente grano...tutti schiattati.
Rilevamenti dell'aria hanno confermato presenze di batteri che aggrediscono le produzioni agricole mondiali gestite da tutte quelle strutture che vogliono rimanere indipendenti perche' coltivano granoturco naturale. L'irrorazione nell'aria di composti chimici sopra numerosissime aree abitate su tutto il pianeta sono evidenti ormai a tutti coloro abbiano conservato un minimo di spirito di osservazione e di disincanto verso il ruolo che hanno i poteri economici, politici, religiosi, militari su sto pianeta.
E' con questa consapevolezza che io ho accettato di fare un disegnino per una iniziativa come quella del Totoro Forest. Che avra' lo stesso impatto riguardo alla salute della terra proporzionalmente ad una puzzetta rispetto al Katrina, per intenderci. Quello che io mi sento di fare,e' dare una giusta proporzione ad ogni cosa relativa al mio vissuto in relazione a cio' che mi circonda, chiamandola con il suo nome. Quindi rispetto a qualche mese fa mi sento arricchito di un ricordo piacevole che prima non avevo. Il ricordo e' proprio esser stato chiamato da un gruppo di artisti che stimo, ammiro, e dai quali sono spessissimo ispirato attraverso il loro lavoro, per conribuire ad una iniziativa collegata ad un personaggio dell'animazione che e' entrato con riguardo in sintonia con la mia sensibilita', Totoro appunto. L'iniziativa e' partita da artisti e non da managers del cazzo. Non c'e' stato alcun sondaggio per capire come va colorato un cazzo di disegno, non ci sono stati elementi schizoidi che hanno studiato una curva per invogliare un eventuale acquirente attraverso meccanismi ipnotici a comprare un cazzo di disegno che manco hanno fatto loro, ho ricevuto tanti complimenti e ringraziamenti per il mio contributo, non si presentava nemmeno pallidamente l'idea di alcun eventuale rifacimento, ho ricevuto la disponibilita' loro (degli artisti organizzatori)di incorniciarmi il disegno avendo io maldestramente consegnato un po' troppo a ridosso della data di consegna, l'atteggiamento dimostratomi e' stato costantemente professionale, premuroso e trasparente. Ho difficolta' a ricordare altre collaborazioni di questo tipo. In una situazione simile la mia unica preoccupazione, dato che c'erano i presupposti, e' stata quella di essere piu' trasparente possibile con il mio sentire e il mio disegnare e augurarmi, una volta soddisfatto del mio operato, che questo piacesse. Questo e' cio' che riguarda me. Credo che l'importanza e la qualita' ottenuta da tutte le performance degli artisti, sia materia che competa esclusivamente gli artefici di tale progetto. Io mi sono sentito di focalizzarmi con impegno sul mio operato, spero sia stato apprezzato, in caso contrario...pazienza, in fondo piu' si rende questa passione una religione o una fonte di immense ricchezze e piu' la si distrugge.

Matteo, GRAZIE INFINITE, mi entusiasma l'idea che Miyazaki possa buttare un occhio su un mio scarabocchio. Mi sembra che si sia chiuso un altro mio ciclo, seppur non cosi' importate. A dire il vero poi a me Totoro non mi ha entusiasmato quanto Nausicaa o Laputa.

Yaprak, GRAZIE sposa in rosa.

Claudio Acciari said...

Barbara, io la funzione di visualizzare i commenti nella mia mail non l'ho selezionata. Ce l'ho per youtube ma per questo blog non l'ho mai attivata. Poi vorrei ricordare poche cose che "tagliano la testa al toro" (mamma mia che brutta espressione!). La Monsantho tramite la strumentalizzazione degli aiuti alimentari volti a "sanare" i problemi alimentari relativi ai paesi sottosviluppati (provocati dai primi citati, oltremodo) sta intervenendo nella crisi agricola distibuendo sementi OGM, che producono piante sterili, per rendere il mondo intero dipendente alla loro produzione e vendita di sementi. Niente sementi niente grano. Niente grano...tutti schiattati.
Rilevamenti dell'aria hanno confermato presenze di batteri che aggrediscono le produzioni agricole mondiali gestite da tutte quelle strutture che vogliono rimanere indipendenti perche' coltivano granoturco naturale. L'irrorazione nell'aria di composti chimici sopra numerosissime aree abitate su tutto il pianeta sono evidenti ormai a tutti coloro abbiano conservato un minimo di spirito di osservazione e di disincanto verso il ruolo che hanno i poteri economici, politici, religiosi, militari su sto pianeta.
E' con questa consapevolezza che io ho accettato di fare un disegnino per una iniziativa come quella del Totoro Forest. Che avra' lo stesso impatto riguardo alla salute della terra proporzionalmente ad una puzzetta rispetto al Katrina, per intenderci. Quello che io mi sento di fare,e' dare una giusta proporzione ad ogni cosa relativa al mio vissuto in relazione a cio' che mi circonda, chiamandola con il suo nome. Quindi rispetto a qualche mese fa mi sento arricchito di un ricordo piacevole che prima non avevo. Il ricordo e' proprio esser stato chiamato da un gruppo di artisti che stimo, ammiro, e dai quali sono spessissimo ispirato attraverso il loro lavoro, per conribuire ad una iniziativa collegata ad un personaggio dell'animazione che e' entrato con riguardo in sintonia con la mia sensibilita', Totoro appunto. L'iniziativa e' partita da artisti e non da managers del cazzo. Non c'e' stato alcun sondaggio per capire come va colorato un cazzo di disegno, non ci sono stati elementi schizoidi che hanno studiato una curva per invogliare un eventuale acquirente attraverso meccanismi ipnotici a comprare un cazzo di disegno che manco hanno fatto loro, ho ricevuto tanti complimenti e ringraziamenti per il mio contributo, non si presentava nemmeno pallidamente l'idea di alcun eventuale rifacimento, ho ricevuto la disponibilita' loro (degli artisti organizzatori)di incorniciarmi il disegno avendo io maldestramente consegnato un po' troppo a ridosso della data di consegna, l'atteggiamento dimostratomi e' stato costantemente professionale, premuroso e trasparente. Ho difficolta' a ricordare altre collaborazioni di questo tipo. In una situazione simile la mia unica preoccupazione, dato che c'erano i presupposti, e' stata quella di essere piu' trasparente possibile con il mio sentire e il mio disegnare e augurarmi, una volta soddisfatto del mio operato, che questo piacesse. Questo e' cio' che riguarda me. Credo che l'importanza e la qualita' ottenuta da tutte le performance degli artisti, sia materia che competa esclusivamente gli artefici di tale progetto. Io mi sono sentito di focalizzarmi con impegno sul mio operato, spero sia stato apprezzato, in caso contrario...pazienza, in fondo piu' si rende questa passione una religione o una fonte di immense ricchezze e piu' la si distrugge.

Matteo, GRAZIE INFINITE, mi entusiasma l'idea che Miyazaki possa buttare un occhio su un mio scarabocchio. Mi sembra che si sia chiuso un altro mio ciclo, seppur non cosi' importate. A dire il vero poi a me Totoro non mi ha entusiasmato quanto Nausicaa o Laputa.

Yaprak, GRAZIE sposa in rosa.

Touchskies said...

scusa Claudio, ti occupo un pezzetto di spazio giusto per dire a Canepa, che se ha deciso di rimuovere il post che ha ispirato la mia risposta, non dovrebbe continuare la polemica in altre direzioni che sinceramente reputo di scarso interesse, soprattutto quelle intorno alle dimensione del mio pene.

La mia risposta era circostanziata intorno a parole di un post cancellato dall'autore.

Ripeto:

Secondo me, artisti che decidono di dedicare il loro tempo a titolo gratuito intorno ad una iniziativa come questa, non possono essere etichettati come leccaculi. Neanche il "20%" di essi.

Claudio, Ancora complimeti per il tuo stoicismo da artista eremita che mi affascinerà sempre. Fino alla morte.

P.S.

Cara Barbara,

Se non fossi abituata a cancellare ciò che fai, forse si, conoscerei almeno un centesimo delle tue cose.

Tolgo il disturbo,

Alessandro Toccaceli

Touchskies said...

Infine voglio precisare in ordine:

Nessun post di Barbara Canepa è stato commentato da me dopo essere stato cancellato. Il mio commento è stato pubblicato e visibile contemporaneamente al post di Barbara Canepa. Poi lei, ha deciso di cancellare il suo.

Nulla di ciò che dico nel mio post è riferito alla persona di Barbara Canepa, ma è riferito alla realtà descritta da lei in un suo commento.

Non ho giudicato nessuno, Cosa cha invece è stata fatta da Barbara Canepa nel suo primo post ora insabbiato, e ancora una volta nel suo ultimo post, dove bolla un bel 20% degli artisti dell'iniziativa Totoro Forest, si prende gioco della mia presunta statura morale, ma, in compenso, sopravvaluta le misure del mio pene.

Gogliardicamente Voster,

Alessandro "Pasquino" Toccaceli

Barbara Canepa said...

Grande commento, Claudio...
Ci serabbe da aprire un dibattito enorme su questo tema, ma come si puo' qui? Mannaggia.

E come sempre hai la mia stima, per l'iniziativa e per quello che pensi.
E sono assolutamente d'accordo con te. ^__^

P.S- hai messo due volte lo stesso commento..Visto che è lunghissimo ( anche se interessante) magari uno cancellalo, eh? ;)

P.S.S- fatti vivo, ti ho scritto una mail ieri....DAi Dai!

Barbara Canepa said...

Ah, un ultima cosa Claudio : sono in linea a quello che dici, ma una "puzzetta " come la chiami tu oggi e una "puzzetta" domani fa si che qualcosa si salvi.Anche se fosse un microcosmo, chissenefrega !
Non fare proprio nulla e abbassare totalmente le braccia è un gran peccato, anche se non c'è certo da essere ottimisti e lo sappiamo tutti.

Nel mio piccolo, piccolo, piccolo,ho adottato e fatto approvare di far pubblicare tutti i miei libri e non solo quelli, anche quelli della label con carta riciclata da una ditta norvegese.
E credetemi oggi la qualità è esattamente la stessa!
Inoltre, questa ditta con un certo quantitativo d'ordine, ripianta un tot di specie d'alberi in estinzione, su certe zone disastrate del nord e NON solo..
I materiali di risulta delle carte ottenute sono cosi' puliti, che li puoi bere! E' acqua quasi di sorgente.E la puoi acquistare, se vuoi : l'acqua della tua "carta" per aiutare ancor più il ciclo e l'iniziativa.

Insomma,una cazzata, NON servirà a nulla, tra 10 anni siamo morti.. Ma almeno, come dici tu, ogni tanto ho solo un po' più il cuore leggero e un peso in meno sulle tonnellate di carta che si sperperano per stampare i libri! °___°
E io vorrei evitare di essere une di quelle persone.

Sperem che il libro del TOTORO Forest sia fatto cosi...
O con gli stessi principi...^__^
Vedremo.

Claudio Acciari said...

Barbara, ho riletto con calma un tuo intervento e lungi dal voler alzare il fuoco sotto la pentola vorrei solo chiederti un chiarimento riguardo ad un tuo enunciato.
Mi sfugge il senso del concetto che... "il 20% degli artisti non aveva il merito" di far parte dell'iniziativa.
Volevi forse dire che il 20% di quello che hai visto nel sito del totoro forest non ti piaceva?
Perche' in questi termini trovo la frase comprensibile anche se continua a sfuggermi il perche' si comunichi una percentuale entro la quale ci puo' rientrare qualsiasi artista.
Io il piu' delle volte indico dei disegni che mi piaciono perche' quelli che non mi dicono niente non e' che mi impediscono di apprezzare quegli altri, quindi rimango del tutto indifferente. Ma penso che questo sia riconducibile a strane abbitudini diffuse da molto tempo. Le incongruenze le noto nel detto che recita : "non e' bello cio' che e' bello ma e' bello cio' che piace". E' una frase assurda secondo me perche' pone come obbiettivo l'identificare il "bello" ponendo come condizione di scelta secondo due parametri distinti, uno dogmatico, l'altro soggettivo-emozionale.Ma l'assurdita' risiede nel CHIEDERSI cosa e' bello. Nel definire una cosa bella. Io scriverei "non potendo stabilire cio' che e' bello, piace solo cio' che piace".Ne e' un esempio drammatico il fenomeno del grande fratello. E' bello perche' di fatto piace? Ne sono un esempio le maggiori produzioni cartacee presenti in tutti gli scafali piu' in vista dei supermercati. Dovrei dire che le Weencs sono belle perche' piacciono?
E' bello cio' che non piace?
E' bello cio' che e' bello? e chi lo decide in questo caso?
Ho fatto tutti questi giri contorti per ritornare ora al fulcro di cio' che mi sembra importante osservare.
Il LIVELLO (ghhhh che parolaccia!) del totoro forest contest non era scritto nelle stelle dove chi vi ha partecipato doveva solo supinamente fare il proprio compitino giusto secondo il divino volere degli astri. Si incappa spesso nell'errore di appendere al muro una...MISSION (cristo, comincio a grattarmi) e di seguirla pedissequamente. Cosi' che a fine lavori si puo' andare a controllare chi ha SGARRATO e chi no: un artista, due, il 5% o il 20% ecc.
Ripeto, la questione di essere "all'altezza" della situazione e' gia' stata decisa da Enrico, Ronnie, Dice e Yukino nel momento in cui hanno deciso di chiedere agli interessati del progetto di farvici parte. Solo loro hanno il DIRITTO di dire chi era idoneo o no per tale progetto perche' il progetto e' nato da una iniziativa loro.Quando io ho partecipato al collettivo Sky Doll space ship collection chi poteva determinare chi era idoneo o no se non tu e Alessandro Barbucci? Forse l'opinione di qualche forum che vedeva il mio lavoro come qualcosa di cui se ne poteva fare tranquillamente a meno?
Quei commenti non apparivano forse come dei "dibattiti calcistici"?
Sono contento che si sia creata attraverso questi interventi un argomento di discussione al quale pero' mi sento di dare una interpretazzione con una analisi piu' ampia.
L'idea di considerare dogmaticamente un presunto "livello" di un lavoro ha assunto oggi caratteristiche imposte da una mentalita' tipica dell'ambiente economico. Es, la "mission" (nartra fitta) e' raggiungere per l'anno prossimo un profitto superiore del 10%? Bene, qualsiasi mezzo idoneo a tale scopo deve essere utilizzato: tagli al personale, sfruttamento dei paesi sottosviluppati, giochini con ititoli di borsa, martellamento ipnotico-pubblicitario, saturazione dei luoghi di distribuzione e via dicendo.
L'iniziativa totoro forest, da quello che so, e' nata con i presupposti OPPOSTI. Lo spessore del progetto, la sua entita' e' stata la RISULTANZA di vari sforzi che in corso d'opera mutavano e si influenzavano a vicenda secondo un continuo "kaos" espressivo. Lo stesso marchio Pixar e' subentrato solo in un secondo momento, non ne e' stato il motore. Daesuke ha coscientemente esortato gli artisti coinvolti a mostrare e condividere anche bozzetti e studi perche'fattori attivanti di tutto il processo creativo. Le dimensioni che il totoro forest ha raggiunto sono qualche cosa che se fosse stato previsto o pianificato, non sarebbe mai accaduto.

Gianfranco Enrietto • HEN said...

har, har, har.
Grazie Claudio per non aver citato i Gormiti tra le cose che piacciono ma che onestamente non sono proprio il massimo.
Anche se ci stanno di diritto.

Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Claudio Acciari said...

Barbara mi riferivo a questo che ho COPIATO e INCOLLATO dal tuo post che puoi leggere tu stessa.Ti ripeto che colgo una frase da te scritta per parlare di un argomento a 360 gradi dove il tuo intervento mi da il LA.Riporto parte del tuo commento:

L'unica cosa che dicevo, per diritto di cronaca, che sono rimasta un po' male per certe partecipazioni.Che per me non hanno merito di esserci.TUTTO QUI....
Posso dirlo?Insomma,mica siamo in dittatura, no?E cavolo!
Insomma salvo davvero l'80% degli artisti scelti e il

Hai visto? Non parlavo di cio' che e' stato cancellato ma di quello che hai lasciato.

Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Barbara Canepa said...
This comment has been removed by the author.
Touchskies said...

Pure te Cla', quanto te ce vo a capì...

Ma come? Ho capito addirittura io!

Non è sempre quello che sembra! No!

Come, ad esempio... Che so...?

Il cane di Mustafà, che lo piglia in culo e dice che sta a scopà. Chiaro no?

Carta vince , carta perde...

Dov'è la regina di picche?

Vedi com'è facile? adesso se mi rispondi che non è giusto quello che dico, ti devo rispondere che hai capito male. Arileggi mejo, e poi chiamame, che si nun hai capito ancora bene te lo spiego in separata sede. E vedrai poi come saremo d'accordo...

Barbara Canepa said...

Non è sempre quello che sembra...
Belle parole..

Alessandro,stavolta sono d'accordo con te..

Claudio Acciari said...

No,no Ale,adesso che rileggo bene ho capito e come! Com'e' che ho capito? Non sono daccordo.Ma che ti credi che mi credo? Credevi forse che...Ma de che? Eh! %||^*=Poi proprio tu che scrivi "chi e' Maratte". Non so se ho reso l'idea.Ma qui finisco per fare come quello che diceva "ho fame, NON E' SEDE".Quindi se ne riparla in altra sede.Ma che' davvero c'hai sede? E bevi no.

Piero Tonin said...

Carta vince, carta perde... Sim Sala Bim, e il commento che c'era sparì.

Barbara Canepa said...

Si !!!

Avete visto che strana maaaaagggiiiiaaaaaa???

Figo,eh?

mirko monico said...
This comment has been removed by the author.
mirko monico said...

Complimenti Claudio, sono entusiasta per te
: )

sai se ci sono altri italiani, oltre Enrico?

Claudio Acciari said...

Enry, ho appena finito di bere un caffe' in una tazza che ha comprato mio padre al supermercato...dei GORMITI ostiaaaaaa. Scendo in cucina e vedo il tonno dei GORMITI ostiaaaaaaa 2.Maledetto!

Ciao Mirko, dunque fammi fare mente locale : Manuela Cozzi, Andrea Blasich, Gabriele Pennacchioli...non me ne vengono in mente altri....

Gianfranco Enrietto • HEN said...

non è colpa mia lo giuro.
inoltre avendo i Gormiti il "popolo del Mare" farci le scatolette di tonno... sa tanto di cannibalismo.
Ma come se fa??? anche solo a venirti l'idea dico.
Più zappe meno product manager.